La storia di maggio 2018 “Spatium Pinot Blanc!”

La grande manifestazione del Pinot Bianco ad Appiano
“Spatium Pinot Blanc!” - terza edizione:

a seguito dell’enorme successo, torna ad Appiano, a distanza di due anni, l’unica, attesissima manifestazione in Europa interamente dedicata al Pinot Bianco, la varietà più coltivata in Alto Adige. Nelle precedenti edizioni 2014 e 2016 hanno partecipato oltre 80 giornalisti specializzati, più di 120 produttori e innumerevoli appassionati di vino.
 
 
Curiosamente, il Pinot Bianco fa la sua comparsa in Alto Adige attorno alla metà dell’Ottocento contemporaneamente da Nord e da Sud. I primi impianti documentati di Pinot Bianco in Piemonte e in Lombardia risalgono al 1830. Considerando che all’epoca le viti avevano una durata dai 20 ai 30 anni, questa nobile varietà viene progressivamente introdotta in Alto Adige quando è alla fine del suo primo ciclo di vita italiano, ovvero alla metà del secolo, nell’ambito degli intensi rapporti commerciali tra i mercanti di Milano, Trento e Bolzano. Il merito dell’affermazione del Pinot Bianco nei nostri territori è da attribuire all’arciduca Johann, il quale nel 1852 fece piantare a Scena i primi vitigni a nord di Bolzano. Nel 1894 Edmund Mach, eminente enologo e primo direttore dell’Istituto Agrario di San Michele all’Adige, scriveva a questo proposito: “Negli ultimi decenni sono stati introdotti nuovi vitigni - Pinot Grigio, Pinot Bianco, Riesling e Traminer, dai quali si trovano già in commercio significative quantità di bottiglie di corposi vini”. Stando a quanto riporta Mach, dunque, già alla fine dell’Ottocento il Pinot Bianco si trovava comunemente in bottiglie: un dato sensazionale, se si tiene conto che all’epoca il 98% dei vini veniva venduto nelle botti! Chiaro segnale questo non solo delle enormi potenzialità di questo nuovo prodotto, ma anche del fatto che i commercianti vi avessero da subito riposto molta fiducia.

Come si può intuire dal titolo in latino, Spatium Pinot Blanc si propone di dare spazio al Pinot Bianco, in modo da imparare a conoscerlo e apprezzarlo, oltre a scoprirne l’origine, le caratteristiche e le particolarità. Allo stesso tempo, uno spazio per presentare il Pinot Bianco di oggi. Uno spazio, infine, per degustare vini regionali, nazionali e internazionali di questa varietà, provenienti dai migliori produttori. I VINUM-Hotels Südtirol sostengono il simposio internazionale dedicato al Pinot Bianco in qualità di partner della cooperazione.

Appiano è naturalmente il luogo ideale per ospitare questa manifestazione, perché qui il Pinot Bianco è il protagonista non solo per quanto riguarda la quantità, ma anche dal punto di vista della qualità. E le migliori varietà locali rappresentano in modo egregio tutto l’Alto Adige: lo “Schulthauser” e il “Sanct Valentin” della cantina San Michele (il cantiniere Hans Terzer, insieme al leggendario enologo Sebastian “Waschtl” Stocker di Terlano, si è sempre occupato in particolare proprio del Pinot Bianco), il “Plattenriegl” della cantina Girlan, il “Weisshaus” di Colterenzio, “Plötzner”, “Passion” e “Sanctissimus” di San Paolo, “Berg” di Ignaz Niedrist, “Strahler” della tenuta vinicola e hotel Stroblhof (socio fondatore di VINUM Hotel Südtirol).

“Spatium Pinot Blanc!”, il simposio internazionale sul Pinot Bianco ad Appiano, sarà una vera e propria festa: un’occasione imperdibile e unica nel suo genere per tutti gli appassionati di vino per scoprire temi come la natura di questa varietà, i terreni di coltivazione e i suoi vendemmiatori attraverso degustazioni assistite e master class. A completare lo straordinario programma, ricevimenti presso le cantine di Appiano, speciali degustazioni guidate con pregiate rarità e un wine-party tutto sul Pinot Bianco.
 
 
La storia di VINUM-Hotel di giugno:
Merlot – un sottovalutato vino altoatesino di color rosso scuro con spezie alpine

L’abboccato ed elegante sapore fruttato dei migliori Merlot altoatesini sorprende ogni volta presso le degustazioni di vini internazionali, ma ancora di più stupisce che questo squisito e corposo vino sia così sottovalutato. Con entusiasmo, fiducia e convinzione i VINUM Hotels Südtirol vogliono dimostrare la qualità e l’enorme potenziale che si cela nei nostri Merlot altoatesini: a detta di tutti gli specialisti, infatti, le sue varietà dei soleggiati versanti esposti a sud figurano tra le migliori varietà di vini italiani.