4 consigli esclusivi per sportivi e amanti del vino

È possibile conciliare il vino con lo sport? Che domande – certo che sì! Per questo abbiamo preparato per voi quattro consigli per le vostre escursioni nei vigneti e nel bosco, naturalmente con l'accompagnamento del vino più adatto.

Si parte!
 
 
Lungo il Sentiero del castagno, verso il monastero di Sabiona

“Percorrere il Sentiero del castagno della Valle Isarco è sempre una bella esperienza, indipendentemente dalla stagione” afferma Stefan, gestore del Vinum Hotel Feldthurnerhof a Velturno, che aggiunge: “Non è solamente un must autunnale, ma un’ottima escursione anche in primavera”. Direttamente dal Feldthurnerhof, il Sentiero del castagno vi condurrà attraverso boschi misti colorati, prati verdi e ripidi vigneti, che danno origine ai migliori vini bianchi della Valle Isarco. Una volta arrivati al monastero di Sabiona potrete godere di una delle migliori viste sulla caratteristica cittadina di Chiusa. “E al vostro ritorno al Feldthurnerhof vi aspetta un bicchiere di Kerner della Valle Isarco per brindare alla giornata trascorsa”, promette Stefan.


In vetta al Sass de Putia

L’albergatore del Vinum Hotel Taubers Unterwirt a Velturno, Helmut, suggerisce invece un’escursione più ambiziosa. “Il Sass de Putia, che sovrasta la Valle di Luson, è una della più belle e attraenti vette delle Dolomiti. La classica salita dal versante Sud è un’escursione imperdibile per ogni appassionato di montagna” sostiene, Helmut, che nel suo tempo libero adora fare escursioni in montagna. Al ritorno, come da tradizione altoatesina, ci si ferma in una delle malghe del Sass de Putia per gustare qualche boccone di ottimo Speck Alto Adige IGP e un fresco e fruttato bicchiere di Schiava!

“Forest bathing” a San Genesio

Da quasi un anno, dopo aver sostenuto un corso per trainer di “forest bathing”, Hedwig e Nadja del Vinum Hotel Tschögglbergerhof, si dedicano con grande passione al tema del “Bagno nella foresta”. “Si tratta di una pratica giapponese che permette di immergersi nella natura e godere della sua meraviglia con tutti i cinque sensi: ci si muove prestando maggiore attenzione e con più consapevolezza nel bosco, godendo di tutti gli elementi che lo compongono, come alberi, arbusti e muschio” spiega Hedwig. Il forest bathing ha incredibili effetti benefici per il nostro corpo, per la mente e per l’anima: riduce lo stress, rinforza il cuore e il sistema immunitario, allevia gli sbalzi d’umore e i disturbi del sonno, favorendo allo stesso tempo la concentrazione e la capacità di rilassarsi. Solitamente le sedute di forest bathing si concludono con una tazza di tè – Hedwig magari lo farà offrendo un bicchiere del suo miglior vino, una cuvée di Lagrein e Merlot...lasciatevi sorprendere!


In bici lungo la Via Claudia Augusta

L’albergatore del Vinum Hotel Wilma di Nalles, Peter, consiglia una semplice escursione in bicicletta attraverso i vigneti e i meleti in fiore: “Questo piacevole giro comincia da Nalles, segue la Via Claudia Augusta fino ad Andriano. Si attraversano poi i vigneti e a Terlano si prende la pista ciclabile della Valle dell’Adige, fino a Lana. Al ritorno, la pista ciclabile delle mele vi riporterà a Nalles, attraverso spettacolari frutteti in fiore”, spiega Peter, che aggiunge: “La sera, invece, gli ospiti potranno venire nella mia sala del tesoro: la cantina vinicola, dove gusteremo un corposo moscato rosa di Nalles, il paese delle rose”. E se siete fortunati, Peter vi svelerà anche qualche segreto dei Cavalieri del Vino del Tirolo, associazione di cui Peter è membro. Più esclusivo di così, è impossibile!